Turno di notte

La notte porta consiglio ? Kruaxi a ruota libera.

In Polonia è stata vietata penalmente l'ostentazione di simboli comunisti.

Ecco la notizia: http://www.ilgiornale.it/esteri/comunismo_e_nazismo_in_polonia_sono...

Morale, già oggi è vietato parlare di nazi-fascismo, ora lo sarà anche parlare di comunismo. Si potrà solo parlare di centro a questo punto? Moriremo tutti democristiani?

Piccola nota buffa: già oggi nelle decal di kit di aerei tedeschi mancano le svastiche, nel prossimo futuro probabilmente vieteranno anche le stelle rosse nei kit?

E quando, nel 2154, un'apposita commissione verificherà i crimini commessi dagli americani in Iraq e dagli israeliani in Palestina toglieranno dai kit anche del decal a stelle e strisce e quelle con la stella di David?

Visualizzazioni: 1

Commento da Roberto su 16 Novembre 2010 a 22:36
L'articolo del giornale ha un tono che me ne impedisce la lettura, ma credo di aver afferrato il concetto. Ma sei proprio sicuro Marco che i polacchi associno a quei simboli le stesse cose che ci associano i francesi o gli italiani o gli spagnoli ( comunisti e non )?
Nel commento all'altro post alludi al divieto di professare certe idee come segno di debolezza delle democrazie. Io ti ripropongo la riflessione di Levy che ho già scritto altrove: certi signori hanno bastoni e hanno idee e hanno i bastoni perchè hanno certe idee. Il tema è sicuramente spinoso ma la leggi servono anche a contenere fenomeni deleteri e distruttivi della libera convivenza civile. Ideologie violente e anti democratiche non possono esser accolte nel dibattito democratico. Così come il reato di banda armata non dovrebbe essere abolito per convenienza di qualche leghista sotto processo.
I polacchi che vietano certi simboli sono certamente l'espressione di un tentativo di palingenesi anche simbolica, forse patetico forse no. La suscettibilità dei tedeschi sui temi del terzo reich a noi può pure far sorridere, così come a qualcun'altro faran ridere i nostri tentativi di costruire un'epica post 8 Settembre ad uso interno negli anni subito successivi alla guerra. Ad altri ancora farà strana l'amnesia dei francesi su Vichy.
Non c'è dubbio che il potere usa la manipolazione dei simboli con maggior sagacia di noi, ma come dice il poeta, qui è la rosa e qui devi danzare. Una critica di sinistra, proattiva e non nostalgica, deve avere visione ampia oltreché buona memoria.
Ai polacchi con tutta probabilità, visto che sono ostaggi di potentati molto ristretti e padroni dei mass media, è stato indicato un nemico a buon mercato tanto per distoglierne l'attenzione da problemi più seri.
Commento da Marco Lombardi su 16 Novembre 2010 a 23:47
Innanzitutto mi scuso per il link, l'articolo ha un tono davvero odioso. Ieri avevo letto la notizia da un'altra parte, ma non sono riuscito a ritrovare quella fonte, molto più sobria.
Detto questo, è sicuramente vero che la cosa serve come specchietto per le allodole, per sviare l'attenzione dei polacchi da altre cose, del resto i polacchi, come gli italiani, sono ben felici e consenzienti a farsi sviare...
La questione del cosa si possa dire e cosa no, in una democrazia, è sicuramente spinosa, ma è anche vero che vietare di parlare di una cosa (nella fattispecie il nazi-fascismo) se era giusto all'indomani del 1945, col tempo potrebbe diventare un pericoloso precedente per tentare di vietare di parlare anche di altre cose. Coi tempi che corrono, potrebbe far comodo a molti vietare di professare idee comuniste, visti anche gli ultimi aggiornamenti sui bilanci di certi stati europei e considerato chi sarà chiamato a risanarli....
Poi, per chi usa il bastone e per chi incita a usarlo, ci sono i reati di associazione a delinquere, istigazione a delinquere, lesioni...ma è compito della magistratura e della polizia, che però sembra sempre più solerte, quest'ultima, nel legnare studenti e disoccupati...e si torna a quanto dicevo poc'anzi...
ciao
Commento da Roberto su 17 Novembre 2010 a 15:00
Ma le masse caro Lombardi, si governano meglio col bastone o con la carota?
Commento da Marco Lombardi su 17 Novembre 2010 a 17:15
con la carota, ma coi tempi che corrono, ho tanta paura di essere in minoranza a pensare ciò :-)))

Commento

Devi essere membro di Turno di notte per aggiungere commenti!

Partecipa a Turno di notte

Info su

© 2018   Creato da Kruaxi.   Tecnologia

Segnala un problema  |  Termini del servizio